Risparmio Energetico: L’energia più intelligente è quella che non viene usata

pubblicato in: Cultura3.0 | 0

Risparmio energeticoIl 18 Febbraio 2018 ritorna la “Giornata Internazionale del Risparmio Energetico” ed entro il 23 febbraio 2018, giorni di “M’illumino di meno” quattordicesima edizione, si vuole simbolicamente raggiungere la luna a piedi e sono 555 milioni di passi. Caterpillar una trasmissione di radio2 festeggia il compleanno del protocollo di kyoto, il tentativo dell’umanità di salvare la terra dalla distruzione indotta dai cambiamenti climatici.

Il 28 settembre del 2003 l’Italia si è ritrovata al buio a causa di un black-out energetico provocato da un banale incidente che ha interrotto il flusso di corrente elettrica proveniente dalla Svizzera. Tutto ciò perché l’Italia è costretta ad importare energia in quanto la produzione attuale delle nostre centrali non riesce a soddisfare la domanda energetica del nostro paese.

La parola d’ordine quindi è “Risparmio di Energia”.

La possibilità di risparmiare energia in casa sono tante e spesso sono sotto gli occhi di tutti.
Bisogna impegnarsi a livello mondiale per far funzionare meglio gli impianti che consumano energia senza bisogno di fare eccessivi sacrifici. E’ necessario scegliere prima, ed usare poi, con intelligenza gli strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione per risparmiare denaro e consumare meno energia.

Dobbiamo pensare al risparmio energetico come una vera e propria risorsa da utilizzare come elemento indispensabile per ridurre l’impatto ambientale.
E’ importante contribuire con la modificazione del nostro comportamento ad inquinare meno riducendo il consumo dei combustibili.
Solo così potremo avere avere un ritorno economico rilevante pagando una bolletta meno pesante.

Ecco alcune indicazioni:

  • Limitare l’uso dell’illuminazione alle sole ore serali;
  • Sostituire le ultime lampade ad incandescenza con quelle elettroniche o a led;
  • Liberarsi dei vecchi elettrodomestici ancora in vita e sostituirli con quelli recepiti dalla Direttiva Europea (1998) con l’etichetta energetica: Frigoriferi, asciuga biancheria, lavatrici, lavastoviglie, forni elettrici, scaldabagni, ecc.
  • Effettuare una diagnosi energetica dell’edificio e ottimizzare i consumi di energia termica
  • Dotarsi di certificazione energetica che deve essere esibita in qualsiasi compravendita o locazione dell’edificio;
  • Usare il condizionatore di casa con una differenza di temperatura con l’esterno che non superi i 6°;

 

VUOI RICEVERE LA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Unisciti a oltre 900 saonaresi che ricevono la nostra newsletter e scopri le nostre notizie prima di tutti ricevendo ogni sabato le nostre e-mail.
Odiamo lo spam. Il tuo indirizzo email non sarà venduto o condiviso con nessun altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *