Caffè Corretto – Nessuno si senta solo

Negli ultimi decenni, il morbo di Alzheimer (AD) è emerso dall’oscurità. Una volta veniva considerato un disturbo raro, ma oggi è visto come un grave problema di salute pubblica e di grave impatto su milioni di persone, specialmente i più anziani e le loro famiglie.

Domenica 27 Gennaio 2019, dalle ore 12.00 presso la Parrocchia di Saonara si terrà la presentazione di “Caffè Corretto – Nessuno si senta solo” una iniziativa promossa da: (scarica il volantino)

  • Associazione La Galassia di Saonara;
  • Associazione i Seniores di Saonara;
  • Parrocchia San Martino e Caritas Saonara;
  • Parrocchia SS. Simone e Giuda e Caritas Villatora;
  • Parrocchia B.V. Maria del Perpetuo Soccorso e Caritas Tombelle;

in collaborazione con:

  • Associazione CON AMORE E CON RABBIA;
  • Associazione Un abbraccio per l’Alzheimer.

e con il Patrocinio del Comune di Saonara.

Caffè Corretto - Nessuno si senta solo
Caffè Corretto – Nessuno si senta solo

DI COSA SI TRATTA?

Un servizio per la cittadinanza ispirato alla tradizione dei
“Caffè Alzheimer” ma dal carattere innovativo:

Sarà un luogo di incontro per stare in compagnia senza giudizio in cui potersi esprimere liberamente e trovare supporto per qualsiasi difficoltà.
Saranno accolte non solo le persone con patologie legate alla demenza
ma tutti gli anziani che sono in difficoltà psicofisica o socialmente isolati.

  • Per chi sta vivendo la fase dell’invecchiamento con difficoltà
  • Per chi assiste un familiare anziano
  • Per chi si sente solo

COSA SI FA?

Un educatore esperto guiderà laboratori stimolanti e creativi dando
valore al vissuto esperienziale ed emozionale di ciascuno.
Uno psicologo sarà a disposizione per momenti personali dove poter
ricevere informazioni pratiche, supporto e ascolto. Inoltre ci saranno
occasioni di gruppo in cui incontrare altri familiari che vivono lo
stesso problema per sentirsi meno soli e creare una rete di sostegno
reciproco.
A seguire alcune delle attività proposte che caratterizzano gli incontri:

  • gioco e svago (Tombola, giochi di società…)
  • sociali (raccontarsi, ricordare, letture di giornali…)
  • musica (canto, ballo…)
  • “cura del se”

Con il “Caffè Corretto” si vuole proporre un’occasione concreta per affiancare la famiglia con persone anziane in un percorso di rottura dell’isolamento sociale. Le famiglie, invitate agli incontri del caffè insieme all’anziano o al malato, sono accolte in un ambiente informale da operatori esperti nell’ascolto dei famigliari.

Il Caffè Corretto, può essere definito come un ambiente per trovare risposte ai bisogni di relazione degli anziani e alla conoscenza dei famigliari.

In altre parole una vera e propria palestra di relazioni. Si tratta dunque di una importante occasione di addestramento alla relazione terapeutica, finalizzata alla qualità della vita e al mantenimento delle funzioni e autonomie residue.

Scritto da Marta Casagrande

VUOI RICEVERE LA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Unisciti a oltre 900 saonaresi che ricevono la nostra newsletter e scopri le nostre notizie prima di tutti ricevendo ogni sabato le nostre e-mail.
Odiamo lo spam. Il tuo indirizzo email non sarà venduto o condiviso con nessun altro.

  1. Valerio Dian

    E’ fresca la notizia, ripresa anche da Sky Tg24, di una equipe internazionale formata da studiosi dell’università di Washington, ma anche da altri centri, di aver elaborato un metodo in grado di essere usato, nel prossimo futuro, per prevedere con un certo anticipo i danni cerebrali che provoca una tra le più subdole e complicate malattie che possono colpire l’uomo quale l’Alzheimer. La chiave innovativa è la mappatura di una proteina, chiamata Nfl, che si trova nel liquido cerebrospinale, nel midollo e infine nel sangue in caso di danneggiamento delle cellule cerebrali, consentendo delle previsioni attendibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *