TWITTER ETICHETTA I TWEET ALTERATI, LI RIMUOVE SE LEDONO L’IMMAGINE

pubblicato in: Cittadini3.0, Cultura3.0, Giovani3.0 | 0
Twitter Fake


Twitter inizierà a etichettare e in alcuni casi rimuovere foto, audio e video manipolati o progettati per ingannare le persone. La società ha dichiarato questa settimana che le nuove regole vietano la condivisione di materiale sintetico o manipolato che potrebbe causare danni.

Il materiale manipolato ma non necessariamente dannoso può ottenere un’etichetta di avvertimento. Secondo le nuove linee guida, il video rallentato della portavoce Nancy Pelosi in cui appariva insultare e dire cose non proprie potrebbe ottenere l’etichetta se qualcuno lo twittasse dopo che le regole entreranno in vigore il 5 marzo. Se è stato dimostrato che provoca anche danni , Twitter potrebbe anche rimuoverlo.

Ma a decidere cosa potrebbe causare un danno potrebbe essere difficile da definire e un po’ di materiale probabilmente cadrà in un’area grigia. “Questa sarà una sfida importante e se faremo degli errori lungo la strada – apprezzeremo la vostra pazienza”, ha detto Twitter in un post sul blog. “Tuttavia, ci impegniamo a farlo nel modo giusto.”

Twitter ha dichiarato di considerare gravi minacce alla sicurezza di una persona o di un gruppo, insieme al rischio di violenza di massa o disordini civili diffusi. Ma il danno potrebbe anche significare minacce alla privacy delle persone o alla capacità di esprimersi liberamente, ha detto Twitter. Ciò potrebbe includere casi di stalking, soppressione degli elettori e intimidazioni e “materiale che mira a mettere a tacere qualcuno”.

Google, Facebook, Twitter e altri servizi tecnologici sono sottoposti a forti pressioni per prevenire interferenze nelle elezioni statunitensi del 2020 dopo che sono state manipolate quattro anni fa da attori collegati alla Russia. YouTube di Google ha chiarito la sua politica sulla manipolazione politica, ribadendo che vieterà i video di “deepfake” relativi alle elezioni. Facebook ha anche intensificato i suoi sforzi per la sicurezza elettorale.

Come per molte delle politiche di Twitter, incluse quelle che vietano i discorsi di odio o gli abusi, il successo verrà misurato dal modo in cui la società può applicarlo. Anche con regole in atto, l’applicazione può essere irregolare e lenta.

Ciò è probabilmente vero soprattutto per la disinformazione, che può diffondersi rapidamente sui social media anche con misure di sicurezza in atto. Facebook, ad esempio, utilizza correttori fatti di terze parti per sfatare storie false sul suo sito da tre anni. Mentre gli sforzi stanno dando i loro frutti, la battaglia contro la disinformazione è tutt’altro che finita. Twitter ha dichiarato di essere impegnato a cercare input dai propri utenti su tali regole.

Twitter ha dichiarato di aver pubblicato un sondaggio in sei lingue e di ricevere 6.500 risposte da tutto il mondo. Secondo la società, la maggior parte degli intervistati ha affermato che i tweet fuorvianti dovrebbero essere etichettati, sebbene non tutti siano d’accordo sul fatto che debbano essere rimossi o lasciati in sospeso.

VUOI RICEVERE LA NEWSLETTER
I agree to have my personal information transfered to MailChimp ( more information )
Unisciti a oltre 900 saonaresi che ricevono la nostra newsletter e scopri le nostre notizie prima di tutti ricevendo ogni sabato le nostre e-mail.
Odiamo lo spam. Il tuo indirizzo email non sarà venduto o condiviso con nessun altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *